Non categorizzato

Quando si vuole concretizzare un sogno, per prima cosa bisogna capire se quello che vogliamo fare è compatibile con le nostre capacità.

Obiettivi estremamente ambiziosi e grandi sono realizzabili solo da pochissime persone particolarmente dotate.

La prima domanda da farci quindi è: I miei obiettivi sono compatibili con quello che sono?

La domanda sembra scontata, ma a volte ci dimentichiamo di farcela.
Mi spiego meglio con un esempio.

Una mattina mi sveglio e decido di diventare un grande campione di atletica nella disciplina dei 100 Mt.
Bene, tutto contento vado nel primo negozio di articoli sportivi che trovo; compro le migliori scarpe da ginnastica che esistono per la corsa e indumenti leggerissimi.
Cerco una pista di atletica per mettermi alla prova e dopo aver dato al mio migliore amico un cronometro, anch’esso comprato per l’occasione, gli chiedo di prendermi i tempi.
Così, tutto carico mi accingo a partire vedendomi già sul podio olimpionico insieme a Carl Lewis e a Ben Johnson.
Parto, ce la metto proprio tutta e alla fine dei 100 metri mi giro verso il mio amico e gli chiedo come sono andato.
Lui mi guarda e mi dice: 14 secondi secchi.
In quel preciso istante mi rendo conto che per quanti sforzi farò, molto difficilmente ( forse se la madonna mi miracola le cose possono cambiare ) andrò sotto i 12 secondi.
Capisco quindi che la barriera dei 10 secondi per me sarà impensabile da raggiungere.

Che insegnamento possiamo trarre dalla storiella che vi ho appena raccontato?

Semplice, non tutti siamo altamente dotati per una disciplina ( sia essa fisica che mentale ).
Una volta realizzato quale possa essere il nostro reale potenziale, al massimo, se la cosa che stiamo facendo ci piace molto potremo cercare di esprimerlo completamente.

Come fare allora? fissate piccoli obiettivi perseguibili da raggiungere ogni volta e quando realizzati e verificati passate a fissarne di nuovi spostando le vostre mire un po’ più avanti.

Andare per gradi ed essere sempre molto oggettivi con se stessi senza mai sottovalutarci, ma senza neppure mai sopravvalutarci, è il segreto nella vita per riuscire nelle cose che facciamo.
Prima e mentre esercitate i muscoli, non dimenticate mai di allenare il ” muscolo ” più importante: il cervello.
L’unico modo per esercitare il cervello è attraverso l’uso continuo e costante della propria razionalità.
Se applicherete questa semplice regola alla vostra vita vedrete che le cose diventeranno molto più semplici di quello che inizialmente possono apparire.
Utilizzare la razionalità ci permette di ottimizzare il nostro tempo, ed è proprio per questo motivo che cerchiamo persone che abbiano già fatto quello che ci accingiamo ad intraprendere, aiutandoci così a raggiungere i nostri obiettivi più rapidamente ( ricorda che il tempo, per un organismo biologico, è per definizione scarso, quindi sprecarlo in errori non è sicuramente la miglior strategia ).

Io sono una di quelle persone che, grazie ai miei studi e alla mia esperienza altamente specifica nel settore del Body Building, vi può aiutare a realizzare il vostro potenziale nel minor tempo possibile.
Ecco perché nasce questo sito e perché scegliere di avvalersi dei miei servizi.

Concludo con una citazione da ATLAS SHRUGGED di Ayn Rand che, secondo me, riassume quanto detto sulla capacità di sfruttamento delle nostre potenzialità:

La natura per essere comandata deve prima essere obbedita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *