Vuoi essere una Fiat Duna o una Ferrari Testarossa?

Articoli anti aging

Cosa intendo per OTTIMIZZAZIONE?

Spesso negli ultimi due anni mi hai sentito parlare di ottimizzazione in relazione alla nostra salute, al nostro stato fisico e alla nostra performance mentale.

Un esempio funzionale

Per spiegarti meglio il concetto lasciami usare un esempio. Gli esempi ed i paragoni sono estremamente funzionali per descrivere condizioni o situazioni e spesso li uso anche durante i miei corsi alla HITA (High Intensity Training Academy).

Immagina che tu debba fare un viaggio con un auto da Milano a Firenze passando per i bellissimi paesaggi della Toscana.

Come preferiresti fare il viaggio?

Su di una Fiat Duna scassata o su una Ferrari Testarossa appena revisionata ed in perfette condizioni?

Immagina il viaggio fatto sulla Fiat Duna in pieno luglio. L’auto fa rumori strani e rischia di fermarsi, l’aria condizionata non funziona, i finestrini salgono, ma non scendono. Fa un caldo bestiale e sudi come uno scaricatore di porto. Tieni sotto controllo la temperatura dell’acqua nel radiatore perché la ventola funziona a momenti e a volte ti devi fermare per rabboccare l’acqua altrimenti rischi di fondere.

A metà strada vedi da lontano una ragazza fare l’auto stop e pensi: “finalmente un po’ di compagnia, magari se mi si ferma l’auto mi aiuta anche a spingerla”. Ma hai cantato vittoria troppo presto. Nel vederti arrivare con un catorcio simile ritrae immediatamente il pollice e si mette a camminare (meglio soli che mal accompagnati).

Non è sicuro che in queste condizioni tu possa arrivare…

Non è sicuro che in queste condizioni tu possa arrivare a Firenze. Tuttavia, anche se ci arrivi, il viaggio per te è stato un incubo. Non hai neppure goduto il magnifico paesaggio preso com’eri dal riuscire ad arrivare alla meta con meno danni possibili.

Ora pensa al medesimo viaggio fatto con una Ferrari Testarossa decappottabile, vecchiotta, ma perfettamente revisionata. Il ruggito del motore si fonde insieme ai paesaggi che continuano a cambiare. L’Hard Top è aperto e l’aria ti fa sentire vivo, ogni tanto “sgasi” per sentire la potenza del motore, mentre si succedono pianure e colline.

Ad un certo punto vedi una ragazza in lontananza che fa l’auto stop, lei ti vede arrivare e già 100 metri prima ha un sorriso a 32 denti stampato in faccia, ti fermi e la fai salire.

L’odore della pelle dei sedili è inebriante e la bellissima auto, perfettamente funzionante anche se con qualche anno sulle spalle, amplifica ogni sensazione, ti senti felice ed in pace con il mondo.

Il bellissimo viaggio, che non avresti mai voluto finire, termina a Firenze. Ma le sorprese non sono finite, la sera esci a cena con la ragazza che nel frattempo era risultata non solo carina, ma anche interessante…

Cosa voglio comunicarti con questa storia?

Chiaramente l’auto rappresenta il tuo corpo passati i 35 anni, ed il viaggio da Milano a Firenze rappresenta quell’esperienza che chiamiamo vita.

Se il tuo corpo e la tua mente sono perfettamente ottimizzati il viaggio che chiamiamo vita è paragonabile ad una commedia in cui si ride, si piange, si sperimenta al 100% ogni condizione, emozione o situazione che ci si pone dinnanzi lungo il cammino. Il risultato è di aver vissuto avendo fatto ad ogni età tutto ciò che volevamo senza restrizioni date da condizioni patologiche o inefficienza mentale. Quello che avrai o non avrai fatto dipende solo dalle tue scelte e priorità. Non sarà stato determinato dall’inefficienza del veicolo che usi per sperimentare il viaggio (il tuo corpo).

Viceversa, se non hai rispettato il tuo corpo, non hai fatto la manutenzione giornaliera, non hai fatto le revisioni, non hai fatto tutto ciò che era necessario per mantenere in perfetta efficienza il veicolo, progressivamente il decadimento che ne consegue non ti permetterà più di affrontare il viaggio nella maniera migliore per godertelo al 100% e la tua vita da commedia si convertirà in una tragedia.

Quando ti senti stanco, non dormi, sei grasso ed infiammato (già 8 Kg oltre il vedere gli addominali è essere grassi), ti abbiocchi tra un pasto e l’altro, hai bassa libido, invece di iniziare un progetto metti davanti sempre un MA che te lo fa posticipare o, peggio ancora, annullare…sei diventato come la Fiat Duna.

Il bello o il brutto, a seconda di come la vuoi vedere, di tutto questo è che dipende tutto da te e dalle scelte che coscientemente o incoscientemente ogni giorno fai.

La possibilità di cambiare la propria vita

Per questo motivo ho scritto Elisir. L’ho scritto per dare la possibilità a tutti (parlo sempre al maschile, na lo stesso vale anche per le donne) di cambiare la propria vita. Non solo di rallentare i processi di invecchiamento, ma di tornare ad essere ottimizzati e capaci di vivere una vita lunga, in salute e al massimo delle proprie energie psico/fisiche.

Se non ti piace leggere i libri, hai sempre la possibilità di essere seguito direttamente da me nel tuo percorso verso l’ottimizzazione. Chiedimi come scrivendomi dalla sezione “CONTATTI” di questo sito.

È arrivato il momento di decidere sei vuoi essere una Fiat Duna per il resto della tua vita o una Ferrari Testarossa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *