Articoli vari, Newsletter

Sapete quanto l’argomento Testosterone nell’uomo ( …e anche nella donna ) mi stia a cuore.

Ho già prodotto negli anni alcuni video e scritto articoli su questo tema, dal momento che sempre più persone si rivolgono a me con bassi livelli di questo importantissimo ormone.

I medici tendono a sottovalutare o non trattare il problema quando gli esami sono nella “norma”, ossia i livelli di Testosterone sono all’interno degli intervalli previsti.

I minimi e massimi che troviamo come riferimento nei nostri esami si applicano ad una popolazione adulta che va da 18 a 70 anni, chiaramente se un settantenne è al minimo dell’intervallo non è un grosso problema, anzi tale condizione è fisiologica ed attribuibile ai normali processi di invecchiamento, ma cosa succede quando un venticinquenne è al minimo della scala?

Possiamo considerare questa condizione normale, soprattutto sapendo che la scala che rappresenta i livelli di Testosterone non è aritmetica, ma logaritmica, quindi da 300 ng/dl a 600 ng/dl l’attività biologica dell’ormone è 1000 volte superiore ( non semplicemente il doppio ).

Per affrontare questo problema sempre più endemico e dilagante ( parlerò magari di alcune delle cause in un prossimo articolo ) ho sviluppato e strutturato negli anni protocolli alimentari e di integrazione finalizzati al ripristino ormonale riuscendo, nella maggior parte dei casi, a raddoppiare i valori di questo ormone in un periodo di circa 3 mesi.

Quali sono i sintomi di bassi livelli di Testosterone?

 

1) Bassa libido

Il Testosterone gioca un ruolo fondamentale nella libido maschile e femminile, quando è basso la “voglia” tende a diminuire e/o sparire.

 

2) Erezione difficile

Come abbiamo detto il Testosterone è fondamentale per sviluppare e mantenere una sana libido, ma non solo, è anche importantissimo per raggiungere e mantenere una normale erezione prima e durante un rapporto sessuale. Il Testosterone da solo non induce un’erezione, tuttavia stimola la produzione di Ossido Nitrico. L’Ossido Nitrico è una molecola fondamentale per aumentare il flusso sanguigno all’interno dei corpi cavernosi del pene. Quando i livelli di Testosterone sono bassi può diventare difficile per un uomo avere una normale erezione prima di un rapporto sessuale, così come avere erezioni spontanee ( come ad esempio durante il sonno ). Per completezza è anche importante specificare che oltre al Testosterone ci sono altri importanti fattori che sono stati identificati come negativi per il raggiungimento e mantenimento di una normale erezione, come ad esempio: diabete, problemi alla tiroide, pressione alta, ipercolesterolemia, fumo, Alcohol, depressione, stress, ansia.

 

3) Bassa qualità del liquido seminale

Il Testosterone gioca un ruolo importante nella produzione del seme maschile, ossia il liquido bianco presente nell’eiaculato che aiuta la mobilità degli spermatozoi. Uomini con bassi livelli di Testosterone spesso notano una diminuzione del liquido eiaculato.

 

4) Perdita di capelli

Il Testosterone gioca diversi ruoli inclusa la crescita di capelli e peli, in presenza di bassi livelli di questo ormone sia i capelli che i peli facciali tendono a diminuire.

 

5) Fatica

Gli uomini con bassi livelli di Testosterone dicono di sentirsi affaticati e con bassi livelli di energia. Se ti senti sempre stanco nonostante tu dorma molto e/o poca voglia di allenarti potresti avere bassi livelli di questo ormone.

 

6) Perdita di massa muscolare

Dal momento che è noto che il Testosterone sia implicato nella costruzione di nuova massa muscolare, perdita di muscolo o difficoltà in acquistarne di nuovo potrebbe essere sintomatico di bassi livelli di questo ormone.

 

7) Aumento del grasso corporeo

Uomini con bassi livelli di Testosterone spesso sperimentano aumenti del grasso insieme al cambio della composizione corporea ( più grasso e/o meno muscoli ), a volte questo accumulo di grasso in concomitanza di bassi livelli di Testosterone porta ad uno sbilancio del rapporto tra Testosterone ed Estrogeni nell’uomo che, nel lungo periodo, può indurre una condizione patologica chiamata ginecomastia ( ingrossamento della ghiandola mammaria ).

 

8) Diminuzione della densità ossea

Una delle possibili e più probabili cause dell’Osteoporosi nell’uomo sono proprio bassi livelli di Testosterone, infatti questo ormone è fondamentale per il rafforzamento e la densità ossea.

 

9) Cambiamenti d’umore

E’ tipico negli uomini con bassi livelli di Testosterone il cambiamento dell’umore. Vitalità, concentrazione, velocità di pensiero, aggressività ed equilibrio sono caratteristiche maschili che vengono pesantemente influenzate dai livelli di questo ormone. La ricerca ha dimostrato che gli uomini con bassi livelli di Testosterone hanno più probabilità di sviluppare stati depressivi, irritabiità e perdita di concentrazione mentale.

 

In conclusione, è sbagliato pensare che bassi livelli di Testosterone incidano solo ed esclusivamente sulla sfera sessuale di un uomo, come abbiamo appena visto questo ormone svolge differenti funzioni e contribuisce pesantemente a fare di un uomo un uomo.

 

Se sperimentate alcuni dei sintomi sopraccitati parlatene con il vostro medico e chiedetegli di prescrivervi un dosaggio ormonale di Testosterone totale e libero, nel caso fosse basso è importante che venga trattato immediatamente.

 

Tutti coloro che fossero interessati a richiedere una consulenza o una semplice valutazione possono farlo dalla sezione servizi cliccando qui.

 

Di seguito vi lascio qualche link ed un mio video per approfondire ulteriormente l’argomento:

 

 

2 comments on “Testosterone basso come accorgersene

  1. Marco Minnella 20 settembre 2017 / Reply

    Sempre interessanti i tuoi post Enrico!!!! Il discorso si può trasferire sulla donna ma , come si può procedere per quelle donne che sono nella sindrome pre-menopausa e applicano la terapia sostitutiva con estrogeni?
    Non so se ne hai parlato in passato , sarebbe interessante qualche notizia in merito.

    A presto.

    • Enrico Dell'olio 20 settembre 2017 / Reply

      Ciao Marco, grazie mille per il commento e lo spunto. L’argomento è effettivamente complesso e magari prossimamente scriverò un articolo e/o produrrò un video che approfondisca il tema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *