A che età ci si sente sessantacinquenni?

Articoli anti aging

Un divario di 30 anni separa i paesi con l’età più alta e più bassa in cui le persone sperimentano i problemi di salute di un 65enne, secondo un nuovo studio scientifico.

I ricercatori hanno scoperto che i 76enni in Giappone e i 46enni in Papua Nuova Guinea hanno lo stesso livello di problemi di salute legati all’età di una persona “media” di 65 anni.

“Questi risultati mostrano che l’aumento dell’aspettativa di vita in età avanzata può essere un’opportunità o una maledizione per il benessere generale delle popolazioni, a seconda dei problemi di salute legati all’invecchiamento che la popolazione sperimenta indipendentemente dall’età cronologica”. ha detto la dott.ssa Angela Y. Chang, autrice principale e borsista post dottorato presso il Center for Health Trends and Forecasts dell’Università di Washington. “I problemi di salute legati all’età possono portare al pensionamento anticipato, ad una forza lavoro più piccola e ad un aumento della spesa sanitaria, i leader di governo e le altre parti interessate che influenzano i sistemi sanitari devono considerare quando le persone iniziano a soffrire gli effetti negativi dell’invecchiamento”.

Questi effetti negativi includono funzioni compromesse e perdita di capacità fisiche, mentali e cognitive derivanti dalle 92 condizioni analizzate, cinque delle quali sono comunicabili e 81 non trasmissibili.

Gli studi e le informazioni aggiuntive sono disponibili su http://www.healthdata.org

Lo studio, pubblicato alcuni giorni fa sulla rivista medica internazionale: “The Lancet Public Health”, è il primo del suo genere, secondo Chang, il cui centro è ospitato nell’Istituto per le metriche e la valutazione della salute dell’UW. Laddove le metriche tradizionali sull’invecchiamento esaminano una maggiore longevità, questo studio esplora sia l’età cronologica che il ritmo con cui l’invecchiamento contribuisce al deterioramento della salute. Il lavoro in esame utilizza le stime dello studio Global Burden of Disease (GBD).

I ricercatori hanno misurato il “carico di malattia correlato all’età” aggregando tutti gli anni di vita aggiustati per la disabilità (DALY), una misura della perdita di “vita sana”, correlata alle 92 malattie di confronto. I risultati coprono dal 1990 al 2017 in 195 paesi e territori. Ad esempio, nel 2017, le persone in Papua Nuova Guinea avevano il più alto tasso mondiale di problemi di salute legati all’età con più di 500 DALY per 1.000 adulti, quattro volte quello delle persone in Svizzera con poco più di 100 DALY per 1.000 adulti.

Il tasso negli Stati Uniti è stato di 161,5 DALY per 1.000, attribuendogli una posizione nella 53ª posizione, tra l’Algeria al 52 ° posto con 161,0 DALY per 1.000 e l’Iran al 54 ° con 164,8 DALY per 1.000.

Usando i 65 anni di età media globale come gruppo di riferimento, Chang e altri ricercatori hanno anche stimato l’età in cui la popolazione di ogni paese ha sperimentato lo stesso tasso di carico correlato. Hanno trovato un’ampia variazione nel modo in cui le persone invecchiano bene o male. Prima classificata, i 76enni giapponesi hanno lo stesso carico di invecchiamento dei 46enni in Papua Nuova Guinea, che si sono classificati ultimi in 195 paesi e territori. A 68,5 anni, gli Stati Uniti si sono classificati al 54 ° posto tra Iran (69,0 anni) e Antigua e Barbuda (68,4 anni), da notare che gli Stati Uniti sono il posto con la miglior sanità mondiale…

Lo studio è intitolato “Misurazione dell’invecchiamento della popolazione: un’analisi del Global Burden of Disease Study 2017”.

Ulteriori risultati includono:

Tra il 1990 e il 2017 i tassi di carico delle malattie legati all’età sono diminuiti nel tempo in tutte le regioni, rappresentando una riduzione dei decessi e della gravità delle malattie legate all’età.

Nel 2017, le persone in 108 paesi hanno sperimentato anticipatamente l’accumulo di problemi associati all’invecchiamento, mentre quelli in 87 paesi hanno sperimentato un inizio più lento dell’invecchiamento.

A livello globale, le malattie legate all’età con il maggior numero di decessi e DALY erano cardiopatia ischemica, emorragia cerebrale e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Paesi con età equivalente maggiore a 65 anni in tutto il mondo nel 2017

1. Giappone: 76,1 anni

2. Svizzera: 76.1

3. Francia: 76.0

4. Singapore: 76.0

5. Kuwait: 75,3

6. Corea del Sud: 75,1

7. Spagna: 75,1

8. Italia: 74,8

9. Porto Rico: 74.6

10. Perù: 74,3

Paesi con età minima equivalente a 65 anni di età nel 2017

1. Papua Nuova Guinea: 45,6 anni

2. Isole Marshall: 51,0

3. Afghanistan: 51.6

4. Vanuatu: 52.2

5. Isole Salomone: 53.4

6. Repubblica centrafricana: 53.6

7. Lesotho: 53.6

8. Kiribati: 54.2

9. Guinea-Bissau: 54.5

10. Stati federati di Micronesia: 55.0

Paesi con il più basso tasso di carico correlato all’età nel 2017

1. Svizzera: 104,9 DALY per 1.000 adulti di età pari o superiore a 25 anni

2. Singapore: 108.3

3. Corea del Sud: 110.1

4. Giappone: 110.6

5. Italia: 115.2

6. Kuwait: 118.2

7. Spagna: 119.2

8. Francia: 119,3

9. Israele: 120.2

10. Svezia: 122.1

Paesi con il più alto tasso di carico correlato all’età nel 2017

1. Papua Nuova Guinea: 506,6 DALY per 1.000 adulti di età pari o superiore a 25 anni

2. Isole Marshall: 396.6

3. Vanuatu: 392.1

4. Afghanistan: 380.2

5. Isole Salomone: 368,0

6. Repubblica centrafricana: 364.6

7. Lesotho: 360,5

8. Kiribati: 347,5

9. Guinea-Bissau: 343,4

10. Eritrea: 325,7

In conclusione vorrei aggiungere che, come si desume dai dati, non sono i sistemi sanitari ne le medicine che utilizziamo a permetterci di vivere una vita lunga e scevra da malattie.

La differenza tra i giapponesi e gli abitanti di Papua Nuova Guinea sta nello stile di vita: in primis ciò che si mangia, seguono poi attività fisica e un intorno “astressogenico”.

Il mio ultimo libro: Elisir, è un compendio su come arrivare ad essere tutti giapponesi (…e anche meglio).

Puoi trovare maggiori informazioni su come rallentare i processi di invecchiamento tramite alimentazione, integrazione, allenamento e meditazione cliccando su questo link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *