Dieta Zona di Barry Sears limiti e vantaggi nella sua applicazione

Articoli anti aging

Per l’undicesimo episodio di Fitnessdiscovery parliamo di Dieta Zona ( se non la conoscessi puoi ascoltare un video introduttivo cliccando su questo link ) con Enrico Dell’olio, Lorenzo Vieri e, come ospite speciale, Paolo Rossini.

La Dieta Zona di Barry Sears, nata nel 1991 con la pubblicazione del libro intitolato “Come raggiungere la Zona”, è stata per certi versi una vera e propria rivoluzione nel campo della dietologia.

Rispetto alla convenzionale “Dieta Mediterranea”, ormai completamente travisata dal suo significato originale, la Dieta Zona ha contribuito a portare alla luce la branca delle alimentazioni di stampo evoluzionistico come  la Paleo dieta, tanto è vero che noi, come molti medici e nutrizionisti, la utilizziamo come metodologia alimentare principale per i clienti con risultati eccellenti.

La vera innovazione della Dieta Zona è stata di considerare il cibo come un potente induttore di risposte ormonali ben precise e conseguentemente Barry Sears ha osservato come, mantenendo un rapporto specifico tra carboidrati proteine e grassi, si riusciva a controllare due ormoni estremamente importante sia per la riduzione dei processi infiammatori che per il dimagrimento generalizzato: insulina e glucagone.

piramide-alimentare Dieta Zona
Piramide alimentare Zona

Questo è sicuramente anni luce avanti rispetto a ciò che a quei tempi si predicava, ovvero un mero calcolo calorico e una adozione fideistica della Dieta Mediterranea, possiamo sicuramente affermare che Barry Sears è stato un precursore delle diete evoluzionistiche/ormonali.

Questa strategia alimentare però presenta anche una serie di limiti e difetti, che porteremo alla luce e di cui discuteremo in maniera critica in questo podcast audio, come sempre Enrico Dell’olio ama affermare, le alimentazioni vanno considerate in relazione al tipo di performance che vogliamo ottenere ( dimagrimento, anti aging, mantenimento di una salute ideale, cura di una determinata patologia, miglioramento della prestazione in un dato sport ).

Buon ascolto a tutti da Enrico Dell’olio, Lorenzo Vieri e Paolo Rossini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *