Articoli alimentazione

Acidi Grassi Essenziali e loro metabolismo

Tratto da un articolo di Mauro di Pasquale

Tradotto e aggiornato da Enrico Dell’olio

Sempre di più, negli ultimi decenni, la ricerca ci ha mostrato che integrare la nostra dieta con acidi grassi essenziali può notevolmente giovare alla nostra salute, aiutandoci ad allontanare tutta una serie di malattie correlate alla carenza cronica di questi complessi, ma non solo, le ultime ricerche ci dicono che queste molecole risultano essere essenziali nei processi di miglioramento della nostra composizione corporea, così come delle nostre prestazioni fisiche e mentali ( 1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11 ).

E’ stato dimostrato che altre molecole assunte insieme agli acidi grassi essenziali hanno prodotto significativi effetti sulla salute generale e la composizione corporea operando in modo sinergico con i primi.

I grassi alimentari sono essenziali per un normale metabolismo e una buona salute. Non risultano essere solo necessari per la giusta assimilazione, trasporto e funzione delle vitamine liposolubili come la vitamina A, E, e K, ma vengono sistematicamente usati dal nostro organismo per riparare e produrre importanti componenti cellulari, ormoni, ed altri elementi che sono essenziali per il corretto funzionamento organico. Inoltre, una moderata introduzione di AGE risulta essere importante per migliorare la composizione corporea generale agendo anche sulla riduzione della percentuale totale del grasso corporeo.

Tuttavia, nonostante tutti i grassi, inclusi quelli saturi, abbiano un importante ruolo nel metabolismo energetico e nelle funzioni corporee, i grassi più importanti sono gli essenziali, denominati in questo modo proprio perché il nostro organismo non è in grado di produrli nonostante la loro importanza per la nostra sopravvivenza.

Mentre il corpo umano può fabbricare la maggior parte dei grassi necessari al suo buon funzionamento partendo da altri grassi, carboidrati e proteine, includendo il colesterolo, i grassi saturi e insaturi, ci sono due gruppi di acidi grassi, chiamati appunto essenziali, che si basano sull’acido linoleico ( facente parte del gruppo degli omega 6, i quali includono anche il GLA ) e l’ acido alpha-linolenico ( facente parte del gruppo degli omega 3 che includono anche EPA e DHA ), che non possono essere fabbricati dal nostro organismo in maniera autonoma.

Il corpo non può fabbricare acidi grassi omega 3 o omega 6 perché il corpo umano è sprovvisto degli enzimi necessari ad aggiungere doppi legami a acidi grassi già esistenti oltre il nono atomo di carbonio partendo dall’inizio della molecola. Per la stessa ragione, il nostro organismo non è in grado di convertire gli omega 3 in omega 6 e vice versa. Questo è il motivo per cui molte persone oggi soffrono di carenze alimentari da AGE.

Perché gli acidi grassi essenziali, specialmente di omega 3, risultano essere insufficienti nelle diete moderne? Parte del problema deriva dal tipo di alimenti che vengono somministrati oggi al bestiame. Questi alimenti risultano essere notevolmente differenti dai cibi di cui questi animali si nutrirebbero se lasciati liberi in natura.

Così, mentre sia gli omega 3 che gli omega 6 si ritrovano nelle foglie delle piante consumate in grande quantità degli animali allo stato brado, provviste, in natura, dei giusti rapporti di questi importantissimi nutrienti , questo rapporto viene completamente stravolto quando gli animali invece di essere alimentati ad erbe passano ad un’alimentazione prevalentemente derivata dal grano ( come quelle somministrate negli allevamenti ).

Il risultato di questo approccio è che gli omega 3 contenuti nelle carni degli animali selvaggi contengono un quantitativo sette volte maggiore di questi acidi grassi rispetto agli animali allevati in batteria.

Un’altra ragione risiede nel fatto che la cottura e la lavorazione odierna dei cibi trasforma i salutari acidi grassi essenziali in non salutari acidi grassi del tipo TRANS. Così la carne e le uova che normalmente consumiamo, già parzialmente deprivate di questi importanti complessi, una volta cotte e lavorate ne risultò ancora più povere.

Inoltre, molti di noi consumano grosse quantità di oli vegetali, la maggior parte dei quali sono particolarmente ricchi di omega 6 e poveri di omega 3.

L’aumentata sproporzione derivante dall’assunzione di omega 6 rispetto a quella degli omega 3 caratteristica delle alimentazioni moderne, ben lontane dalle alimentazioni praticate dai nostri avi prima dell’avvento dell’agricoltura, può contribuire a disturbare la struttura e le funzioni cellulari, aumentando così il grado di infiammazione sistemica che a lungo andare può condurre allo sviluppo di stati patologici.

Così, sebbene in linea teorica si possano assumere le giuste quantità di acidi grassi essenziali dagli alimenti che consumiamo, diventa necessario sapere con precisione quello che stiamo facendo in relazione agli alimenti che decidiamo di consumare, e, anche in questo modo, molto probabilmente avremo bisogno di integrare la nostra alimentazione.

Ma come funzionano di acidi grassi essenziali?

L’acido Alpha-linolenico, è il principale acido grasso essenziale della famiglia degli omega 3, mentre l’acido alpha-linoleico risulta essere il principale acido grasso essenziale della famiglia degli omega 6. In un organismo sano, svariate conversioni metaboliche hanno luogo attraverso il trasferimento di varie molecole, acquisite tramite gli alimenti, in sostanze metabolicamente utilizzabili.

L’acido Alpha-linolenico viene trasformato in EPA ( acido eicosapentanoico ) e successivamente in DHA ( acido Docosahexanoico ). Alcune prostaglandine vengono sintetizzate direttamente a partire dagli EPA. Inoltre, sempre grazie ad alti livelli di EPA, l’ organismo riesce a ridurre la sintesi di prostaglandine ad azione infiammatoria derivate dall’acido arachidonico.

Gli omega 6 vengono convertiti ad acido gamma linolenico ( GLA ). Sia l’ EPA che il GLA vengono utilizzati dal nostro organismo per la sintesi di alcune molecole ad azione ormonale conosciute come EICOSANOIDI.

Queste sostanze risultano implicate virtualmente in tutte le attività del nostro organismo, dalle funzioni di base per il funzionamento dei nostri organi, fino ai processi intracellulari, inclusa una parte importante nella regolazione dei processi infiammatori sistemici, nel mantenimento della corretta pressione sanguigna, così come la regolazione in termini di buon funzionamento di cuore, sistema gastrointestinale e funzioni renali.

In questo modo, il loro uso può risultare preventivo o terapeutico in svariate condizioni pre-patologiche e patologiche come ad esempio alcuni tipi di tumore, malattie cardiovascolari, neurologiche e muscolo-scheletriche.

Grazie alle loro spiccate proprietà anti-infiammatorie sono particolarmente indicati come complessi anti-aging o come coadiuvanti nella perdita di peso e nel miglioramento della composizione corporea ( 12 ).

Acidi grassi della serie omega 3, trovabili negli oli di pesce sotto forma di EPA e DHA, e nell’olio di semi di lino, risultano essere utili in una grande varietà di condizioni ( 13 ):

1. Sono in grado di ridurre lo stress ossidativo ( 14 ) derivante dall’alto livello di radicali liberi all’interno delle cellule, famosi per essere i principali responsabili dei processi infiammatori organici.

2. Sono in grado di sopprimere la produzione di complessi ad azione pro-infiammatoria, in questo modo riescono ad influenzare positivamente condizioni generali infiammatorie come l’artrite, il diabete, il colon irritabile, il cancro, i disordini autoimmuni, così come rallentare i normali processi di invecchiamento ( 15,16,17,18,19,20,21,22,23,24,25,26,27,28,29,30 ).

3. Migliorare la lipidemia e quindi fornire una protezione al sistema cardiovascolare ( 31,32,33,34,35 ).

4. Fornire protezione contro lo stress ( 36 ) e la depressione ( 39 ).

5. Migliorare la pressione sanguigna, la risposta immunitaria, la resistenza insulinica e i livelli di trigliceridi ( 40 ).

6. Sembra che siano importanti anche nella prevenzione dei problemi alle coronarie ( 41,42 ) e nel controllo del mal di testa ( 43 ).

7. Possono aiutare nella perdita di peso, specialmente quando utilizzati insieme al CLA.

8. Sono stati positivamente associati ad una migliore densità ossea in giovani uomini ( 44 ).

Mentre è universalmente risaputo che gli acidi grassi essenziali sono particolarmente utili al sistema cardiovascolare e nei processi artritici, non è altrettanto conosciuto il loro impiego nelle patologie mentali. Infatti, una mancanza di acidi grassi essenziali o troppo pochi omega 3 può portare ad una diminuita salute mentale, depressione ( 45, 46 ) e in certi casi anche a tendenze aggressive.

Gli acidi grassi essenziali hanno dimostrato di essere utili nel trattamento della depressione e alcune altre malattie mentali. Bassi livelli di omega 3 sono comuni nelle persone depresse. In uno studio del 2002 alcuni ricercatori trovarono che il trattamento attraverso la supplementazione di EPA migliorava notevolmente le condizioni in pazienti con depressione persistente. Un altro studio provò che l’integrazione di EPA poteva aiutare nel trattamento della schizofrenia.

Parte degli effetti positivi derivanti dai trattamenti con omega 3 nei pazienti con disordini mentali può derivare dal fatto che una carenza di questi complessi può portare ad aberrazioni mentali in quanto risultano essere importanti sia come neurotrasmettitori sia nel controllo del normale sviluppo del cervello. Il DHA risulta essere particolarmente importante per il normale sviluppo del cervello e le donne incinta vengono avvisate di consumare adeguate quantità di questo acido grasso essenziale in modo da facilitare il completamento dello sviluppo del cervello nel feto.

Oltre a tutti i benefici in termini di salute discussi fino ad ora, gli acidi grassi essenziali possono risultare estremamente utili nel migliorare la composizione corporea e la prestazione durante l’esercizio fisico. In molti studi hanno dimostrato di influenzare la sensibilità insulinica e la produzione dell’ ormone della crescita, così come avere effetti anti-catabolici.

L’olio di pesce, attraverso svariati meccanismi, esercita proprietà anti-cataboliche. Facendo riferimento ad alcuni studi fatti su grandi ustionati, c’è la possibilità di modificare i processi catabolici secondari derivanti dagli allenamenti attraverso l’uso di olio di pesce ( 49,50 ). Esiste la concreta possibilità che l’olio di pesce possa inibire la proteolisi muscolare.

Alcuni studi hanno dimostrato che il meccanismo derivante dalla produzione di Interleukina-1 induce disgregazione muscolare ( 51 ) attraverso la mediazione di una molecola facente parte della serie delle Prostaglandine PGE. In questo modo risulta essere probabile che l’olio di pesce inibisca in modo competitivo la sintesi delle PGE responsabili della proteolisi muscolare ( 52,53 ).

Gli acidi grassi della serie omega 3 possono incrementare la secrezione di GH ( ormone della crescita ) ( 55 ) dal momento che sono coinvolti nella formazione delle prostaglandine E1 che agiscono direttamente sulla secrezione di GH.

Molti studi hanno dimostrato che l’olio di pesce è in grado di aumentare la sensibilità insulinica, l’ossidazione dei grassi corporei e l’uso dei grassi come principale fonte di energia.

Inoltre, uno studio recente ha dimostrato che il GLA è in grado di ridurre il riaccumulo di chili persi in persone reduci da una dieta di dimagrimento, ciò ha suggerito ai ricercatori che gli omega 3 possono ottimizzare l’utilizzo dei grassi a scopo energetico, nelle persone con tendenza all’obesità ( 60 ).

L’acido Gamma-Linolenico ( GLA ) è importante per la salute in quanto capace di sopprimere gli effetti dell’infiammazione sia acuta che cronica, così come la risposta all’ansia e allo stress ( 62,63,64,65,66,67,68,69,70,71 ).

Il GLA è necessario al corpo per la fabbricazione di alcune sostanze ad azione ormonale chiamate prostaglandine. Questa classe di sostanze ha effetti benefici e regolatori sul sistema immunitario, sulla circolazione sanguigna e sul ciclo mestruale. Il loro compito è quello di aiutare a controllare la crescita cellulare e a mantenere il normale equilibrio ormonale. Il GLA è anche molto importante per il mantenimento della salute della pelle.

L’uso di EPA e GLA in maniera congiunta diminuisce notevolmente alcuni dei possibili effetti infiammatori derivante dall’uso semplice degli integratori di solo GLA. Tutto ciò risiede nel fatto che il GLA può essere un precursore dell’acido arachidonico. L’aggiunta di EPA all’alimentazione riduce l’accumulo di acido arachidonico in alcune cellule che potrebbe derivare dalla semplice supplementazione di solo GLA ( 72 ).

L’acido Linoleico coniugato ( CLA ), anche se non è un acido grasso essenziale, risulta avere effetti significativi sulla composizione corporea generale. Il CLA è un mix di isomeri facenti capo all’acido linoleico ritrovabile principalmente nei prodotti caseari, nella carne, nel formaggio, nel latte e nello yogurt che sono stati sottoposti a trattamenti con alte temperature.

Il CLA ha dimostrato di avere proprietà ben al di sopra di quelle riscontrabili nel semplice acido linoleico. Questa molecola ha mostrato un grande potenziale come sostanza anticancerogena ( 74,75 ), così come essere un potente antiossidante( 76 ). Alcuni studi hanno dimostrato che il CLA esercita una potente azione citotossica in relazione alle cellule cancerogene umane in vivo ( 77 ).

Alcuni studi su animali e uomini indicano che l’integrazione di CLA nella dieta è in grado di diminuire il grasso corporeo e di aumentare allo stesso tempo la massa magra. L’aumento di massa magra risulta essere più pronunciato in individui che si allenano regolarmente.

Il CLA sembra capace di ridurre la capacità delle cellule adipose di acquisire grassi dal torrente sanguigno è inoltre in grado di inibire la formazione di nuove cellule adipose, così come migliorare l’ossidazione generale dei grassi a scopo energetico risparmiando così la scomposizione della massa muscolare ( 84,85,86,87,88,89 ).

Un altro importante aspetto del CLA è quello di ridurre il riaccumulo di chili dopo una dieta di dimagrimento, diminuendo la capacità di accumulo all’interno degli adipociti di nuovo grasso, senza tuttavia diminuire l’ossidazione dei grassi a scopo energetico. Questo particolare effetto è probabilmente messo in essere attraverso un coinvolgimento di vari enzimi coinvolti nella formazione di nuovi lipidi piuttosto che attraverso l’aumento dei processi di ossidazione dei grassi conosciuti come lipolisi (96,97,98 ).

In questo modo si riscontra un aumento totale dell’ ossidazione dei grassi dal momento che questi due processi sono normalmente in equilibrio dinamico. Diminuire la formazione di nuovo grasso cambia la dinamica relativa alla velocità di ossidazione degli stessi, riducendo così la quantità totale delle scorte di grasso corporeo.

Altrettanto importante, per quelli che desiderano massimizzare la massa magra, risulta essere il possibile effetto anti-catabolico rivestito dal CLA ( 99,100 ).

Gli studi più recenti effettuati sul metabolismo del CLA ci inducono a confermare gli esperimenti precedenti in cui si riportava che il CLA è in grado di ridurre l’accumulo di grasso in specifiche regioni del corpo, specialmente nell’area addominale ( 90 ) sia negli uomini che nelle donne, incrementandolo allo stesso tempo la massa magra totale ( 101 ).

Per terminare vorrei citare un altro studio recente sulla composizione corporea riportante l’effetto del CLA sulla spesa totale, in termini di ossidazione dei grassi, durante il sonno (102 ).

In conclusione si può affermare che gli acidi grassi essenziali, così come alcuni acidi grassi non essenziali come il CLA, risultano avere effetti significativi sulla composizione corporea, allenamento, recupero, così come nel miglioramento del benessere generale.

Keep On Pumpin’

Enrico Dell’olio

Bibliografia:

1 Carrero JJ, Fonolla J, Marti JL, Jimenez J, Boza JJ, Lopez-Huertas E. Intake of fish oil,

oleic acid, folic acid, and vitamins B-6 and E for 1 year decreases plasma C-reactive

protein and reduces coronary heart disease risk factors in male patients in a cardiac

rehabilitation program. J Nutr. 2007 Feb;137(2):384-90.

2 Hosli I, Zanetti-Daellenbach R, Holzgreve W, Lapaire O. Role of omega 3-fatty acids and

multivitamins in gestation. J Perinat Med. 2007;35 Suppl 1:S19-24.

3 Gaullier JM, Halse J, Hoivik HO, Hoye K, Syvertsen C, Nurminiemi M, Hassfeld C,

Einerhand A, O’Shea M, Gudmundsen O. Six months supplementation with conjugated

linoleic acid induces regional-specific fat mass decreases in overweight and obese. Br J

Nutr. 2007 Mar;97(3):550-60.

4 Mosley BS, Hobbs CA, Flowers BS, Smith V, Robbins JM. Folic acid and the decline in

neural tube defects in Arkansas. J Ark Med Soc. 2007 Apr;103(10):247-50.

5 Gariballa S, Forster S. Effects of dietary supplements on depressive symptoms in older

patients: A randomised double-blind placebo-controlled trial. Clin Nutr. 2007 Jul 25;

[Epub ahead of print]

6 Hu J, Morrison H, Mery L, DesMeules M, Macleod M; Canadian Cancer Registries

Epidemiology Research Group. Diet and vitamin or mineral supplementation and risk of

colon cancer by subsite in Canada. Eur J Cancer Prev. 2007 Aug;16(4):275-91

7 [No authors listed] Folic acid. Good for brain health. Mayo Clin Health Lett. 2007

Jul;25(7):6.

8 Nykamp D, Kavanaugh ED, Wenker AP. Vitamins: the wise choice for women with

cardiovascular disease. Consult Pharm. 2007 Jun;22(6):490-502.

9 Tipoe GL, Leung TM, Hung MW, Fung ML. Green tea polyphenols as an anti-oxidant and

anti-inflammatory agent for cardiovascular protection. Cardiovasc Hematol Disord Drug

Targets. 2007 Jun;7(2):135-44.

10 Houston MC. Treatment of hypertension with nutraceuticals, vitamins, antioxidants and

minerals. Expert Rev Cardiovasc Ther. 2007 Jul;5(4):681-91

11 Machefer G, Groussard C, Vincent S, Zouhal H, Faure H, Cillard J, Radak Z, Gratas-

Delamarche A. Multivitamin-mineral supplementation prevents lipid peroxidation during

“the Marathon des Sables”. J Am Coll Nutr. 2007 Apr;26(2):111-20.

12 Song C, Li X, Leonard BE, Horrobin DF. Effects of dietary n-3 or n-6 fatty acids on

interleukin-1beta-induced anxiety, stress, and inflammatory responses in rats. J Lipid

Res. 2003;44(10):1984-91.

13 Schmidt GR. Therapeutics Of Fish Oil. Abstract of Meeting Presentation. ASHP Annual

Meeting 1989;46:1-33.

14 Mori TA, Puddey IB, Burke V, Croft KD, Dunstan DW, Rivera JH, Beilin LJ. Effect of

omega 3 fatty acids on oxidative stress in humans: GC-MS measurement of urinary F2-

isoprostane excretion. Redox Rep 2000;5(1):45-6.

15 Siddiqui RA, Shaikh SR, Sech LA, Yount HR, Stillwell W, Zaloga GP. Omega 3-fatty

acids: health benefits and cellular mechanisms of action. Mini Rev Med Chem.

2004;4(8):859-71.

16 Trebble TM, Wootton SA, Miles EA, et al. Prostaglandin E2 production and T cell

function after fish-oil supplementation: response to antioxidant cosupplementation. Am J

Clin Nutr 2003;78: 376–82.

17 Mori TA, Beilin LJ. Omega-3 fatty acids and inflammation. Curr Atheroscler Rep.

2004;6(6):461-7.

18 Endres S, Ghorbani R, Kelly VE, et al. The effect of dietary supplementation with n-3

fatty acids on the synthesis of interleukin-1 and tumor necrosis factor by mononuclear

cells. N Engl J Med 1989;320: 265–70.

19 Adam O, Beringer C, Kless T, et al. Anti-inflammatory effects of a low arachidonic acid

diet and fish oil in patients with rheumatoid arthritis. Rheumatol Int 2003;23: 27–36.

20 Belluzzi A, Boschi S, Brignola C, Munarini A, Cariani G, Miglio F. Polyunsaturated fatty

acids and inflammatory bowel disease. Am J Clin Nutr 2000;71S: 339S–42S.

21 Hardman WE. (n-3) fatty acids and cancer therapy. J Nutr. 2004;134(12 Suppl):3427S-

3430S.

22 Nettleton JA, Katz R. n-3 long-chain polyunsaturated fatty acids in type 2 diabetes: a

review. J Am Diet Assoc. 2005;105(3):428-40.

23 Simopoulos AP. Omega-3 fatty acids in inflammation and autoimmune diseases. J Am

Coll Nutr. 2002;21(6):495-505.

24 Kremer JM, Lawrence DA, Petrillo GF, et al. Effects of high-dose fish oil on rheumatoid

arthritis after stopping nonsteroidal antiinflammatory drugs. Clinical and immune

correlates. Arthritis Rheumatism 1995;38:1107-1114.

25 Esperson GT, Grunnet N, Lervang HH, et al. Decreased interleukin-1 beta levels in

plasma from rheumatoid arthritis patients after dietary supplementation with n-3

polyunsaturated fatty acids. Clin Rheumatol 1992;11:393-395.

26 Watkins BA, Li Y, Lippman HE, Seifert MF. Omega-3 polyunsaturated fatty acids and

skeletal health. Exp Biol Med (Maywood) 2001;226(6):485-97.

27 Tidow-Kebritchi S, Mobarhan S. Effects of diets containing fish oil and vitamin E on

rheumatoid arthritis. Nutr Rev 2001;59(10):335-8.

28 Kremer JM, Bigauoette J, Michalek AV, et al. Effects of manipulation of dietary fatty

acids on clinical manifestations of rheumatoid arthritis. Lancet 1985;1:184-187.

29 Herold PM, Kinsella JE. Fish oil consumption and decreased risk of cardiovascular

disease: a comparison of findings from animal and human feeding trials. Am J Clin Nutr

1986;43:566-598.

30 Kelley VE, Ferretti A, Izui S, Strom TB. A fish oil diet rich in eicosapentaenoic acid

reduces cyclo oxygenase metabolites and supresses lupus in MRL-lpr mice. J Immunol

1985;134:1914-1919.

31 Ismail HM. The role of omega-3 fatty acids in cardiac protection: an overview. Front

Biosci. 2005;10:1079-88.

32 Hjerkinn EM, Seljeflot I, Ellingsen I, Berstad P, Hjermann I, Sandvik L, Arnesen H.

Influence of long-term intervention with dietary counseling, long-chain n-3 fatty acid

supplements, or both on circulating markers of endothelial activation in men with longstanding

hyperlipidemia. Am J Clin Nutr. 2005;81(3):583-9.

33 Phillipson BE, Rothrock DW, Connor WE, Harris WS, Illingworth DR. Reduction of

plasma lipids, lipoproteins, and apoproteins by dietary fish oils in patients with

hypertriglyceridemia. N Engl J Med 1985;312: 1210–6.

34 Shahidi F, Miraliakbari H. Omega-3 (n-3) fatty acids in health and disease: Part 1–

cardiovascular disease and cancer. J Med Food. 2004 Winter;7(4):387-401.

35 Jacobson TA. Beyond lipids: the role of omega-3 Fatty acids from fish oil in the

prevention of coronary heart disease. Curr Atheroscler Rep. 2007 Aug;9(2):145-53.

36 Bourre JM. Dietary Omega-3 Fatty Acids and Psychiatry: Mood, Behaviour, Stress,

Depression, Dementia and Aging. J Nutr Health Aging. 2005;9(1):31-38.

37 Whalley LJ, Fox HC, Wahle KW, Starr JM, Deary IJ. Cognitive aging, childhood

intelligence, and the use of food supplements: possible involvement of n-3 fatty acids. Am

J Clin Nutr. 2004;80(6):1650-7.

38 Maclean CH, Issa AM, Newberry SJ, Mojica WA, Morton SC, Garland RH, Hilton LG,

Traina SB, Shekelle PG. Effects of omega-3 fatty acids on cognitive function with aging,

dementia, and neurological diseases. Evid Rep Technol Assess (Summ). 2005;(114):1-3.

39 Su KP, Huang SY, Chiu CC, Shen WW. Omega-3 fatty acids in major depressive

disorder. A preliminary double-blind placebo-controlled trial. Eur Neuropsychopharmacol

2003;13:267–71.

40 Simopoulos AP. Essential fatty acids in health and chronic disease. Am J Clin Nutr

1999;70(3):560S-569S.

41 Hodgson JM, Wahlqvist ML, Boxall JA, Balazs ND. Can linoleic acid contribute to

coronary artery disease?. American Journal of Clinical Nutrition 1993;58(2):228-234.

42 Cundiff DK, Lanou AJ, Nigg CR. Relation of omega-3 Fatty Acid intake to other dietary

factors known to reduce coronary heart disease risk. Am J Cardiol. 2007;99(9):1230-3.

43 Smith RS. The cytokine theory of headache. Med Hypotheses 1992;39(2):168-174.

44 Hogstrom M, Nordstrom P, Nordstrom A. n-3 Fatty acids are positively associated with

peak bone mineral density and bone accrual in healthy men: the NO2 Study. Am J Clin

Nutr. 2007;85(3):803-7.

45 Peet M, Horrobin DF. A dose-ranging study of the effects of ethyl-eicosapentaenoate in

patients with ongoing depression despite apparently adequate treatment with standard

drugs. Arch Gen Psychiatry. 2002;59(10):913-9.

46 Emsley R, Myburgh C, Oosthuizen P, van Rensburg SJ. Randomized, placebocontrolled

study of ethyl-eicosapentaenoic acid as supplemental treatment in

schizophrenia. Am J Psychiatry. 2002;159(9):1596-8.

47 Hibbeln JR, Nieminen LR, Lands WE. Increasing homicide rates and linoleic acid

consumption among five Western countries, 1961-2000. Lipids. 2004;39(12):1207-13.

48 Hallahan B, Garland MR. Essential fatty acids and mental health. Br J Psychiatry.

2005;186:275-7.

49 Alexander JW, Saito H, Trocki O, Ogle CK. The importance of lipid type in the diet after

burn injury. Ann Surg 1986;204:1-8.

50 Trocki O, Heyd TJ, Waymack JP, Alexander JW. Effects of fish oil on postburn

metabolism and immunity. J Parent Enter Nutr 1987;11:521-528.

51 Baracos V, Rodemann HP, Dinarello CA, Goldberg AL. Stimulation of muscle protein

degradation and prostaglandin E sub 2 release by leukocytic pyrogen (interleukin-1). A

mechanism for the increased degradation of muscle proteins during fever. N Engl J Med

1983;308:553-558.

52 Goodnight SH, Harris WS, Connor WE, Illingworth DR. Polyunsaturated fatty acids,

hyperlipidemia and thrombosis. Arteriosclerosis 1982;2:87-111.

53 Needleman P, Raz M, Minkes MS, et al. Triene prostaglandins: prostaglandin and

thromboxane biosynthesis and unique biologic properties. Proc Natl Acad Sci

1979;76:944-948.

54 Endres S, Ghorbani R, Kelley VE, et al. The effect of dietary supplementation with n-3

polyunsaturated fatty acids on the synthesis of interleukin-1 and tumor necrosis factor by

mononuclear cells. N Engl J Med 1989;320:265-71.

55 Dray F, Kouznetzova B, Harris D, Brazeau P. Role of prostaglandins on growth hormone

secretion: PGE2 a physiological stimulator. Advances in Prostaglandin & Thromboxane

Research 1980;8:1321-8.

56 Awad AB, Zepp EA. Alteration of rat adipose tissue lipolytic response to norepinephrine

by dietary fatty acid manipulation. Biochem Biophys Res Comm 1979;86:138-144.

57 Parrish CC, Pathy DA, Parkes JG, Angel A. Dietary fish oils modify adipocyte structure

and function. J Cell Phys 1991;148(3):493-502.

58 Belzung F, Raclot T, Groscolas R. Fish oil n-3 fatty acids selectively limit the

hypertrophy of abdominal fat depots in growing fats fed high-fat diets. Am J Physiol

1993;264(6 Pt 2): R1111-R1118.

59 Parrish CC, Pathy DA, Angel A. Dietary fish oils limit adipose tissue hypertrophy in rats.

Metabolism: Clin Exp 1990;39(3):217-19.

60 Schirmer MA, Phinney SD. {gamma}-Linolenate Reduces Weight Regain in Formerly

Obese Humans. J Nutr. 2007;137(6):1430-5.

61 Portier K, de Moffarts B, Fellman N, Kirschvink N, Motta C, Letellierw C, Ruelland A, van

Erck E, Lekeux P, Couder J. The effects of dietary N-3 and antioxidant supplementation

on erythrocyte membrane fatty acid composition and fluidity in exercising horses. Equine

Vet J Suppl. 2006;(36):279-84.

62 Fan YY, Chapkin RS. Importance of dietary gamma-linolenic acid in human health and

nutrition. Journal of Nutrition 1998;128: 141114.

63 Furse RK, Rossetti RG, Seiler CM, Zurier RB. Oral administration of gammalinolenic

acid, an unsaturated fatty acid with anti-inflammatory properties, modulates interleukin-

1beta production by human monocytes. J Clin Immunol. 2002;22(2):83-91.

64 Tate G, Mandell BF, Laposata M, Ohliger D, Baker DG, Schumacher HR, Zurier RB.

Suppression of acute and chronic inflammation by dietary gamma linolenic acid. J

Rheumatol. 1989;16(6):729-34.

65 Johnson MM, Swan DD, Surette ME et al. Dietary supplementation with gammalinolenic

acid alters fatty acid content and eicosanoid production in healthy humans.

Journal of Nutrition 1997;127: 143544.

66 Song C, Li X, Leonard BE, Horrobin DF. Effects of dietary n-3 or n-6 fatty acids on

interleukin-1beta-induced anxiety, stress, and inflammatory responses in rats. J Lipid

Res. 2003;44(10):1984-91.

67 DeLuca P, Rossetti RG, Alavian C, Karim P, Zurier RB. Effects of gammalinolenic acid

on interleukin-1 beta and tumor necrosis factor-alpha secretion by stimulated human

peripheral blood monocytes: studies in vitro and in vivo. J Investig Med. 1999;47(5):246-

50.

68 Kapoor R, Huang YS. Gamma linolenic acid: an antiinflammatory omega-6 fatty acid.

Curr Pharm Biotechnol. 2006 Dec;7(6):531-4.

69 Barham JB, Edens MB, Fonteh AN, Johnson MM, Easter L, Chilton FH. Addition of

eicosapentaenoic acid to gamma-linolenic acid-supplemented diets prevents serum

arachidonic acid accumulation in humans. J Nutr. 2000;130(8):1925-31.

70 Gillis RC, Daley BJ, Enderson BL, Karlstad MD. Eicosapentaenoic acid and gammalinolenic

acid induce apoptosis in HL-60 cells. J Surg Res. 2002;107(1):145-53.

71 Gueck T, Seidel A, Baumann D, Meister A, Fuhrmann H. Alterations of mast cell

mediator production and release by gamma-linolenic and docosahexaenoic acid. Vet

Dermatol. 2004;15(5):309-14.

72 Barham JB, Edens MB, Fonteh AN, Johnson MM, Easter L, Chilton FH. Addition of

eicosapentaenoic acid to gamma-linolenic acid-supplemented diets prevents serum

arachidonic acid accumulation in humans. J Nutr 2000;130(8):1925-31.

73 Schirmer MA, Phinney SD. {gamma}-Linolenate Reduces Weight Regain in Formerly

Obese Humans. J Nutr. 2007;137(6):1430-5.

74 Ip C, Singh M, Thompson HJ, Scimeca JA. Conjugated linoleic acid suppresses

mammary carcinogenesis and proliferative activity of the mammary gland in the rat.

Cancer Research 1994;54(5):1212-5.

75 Ip C, Scimeca JA, Thompson HJ. Conjugated linoleic acid. A powerful anticarcinogen

from animal fat sources. [Review] Cancer 1994;74(3 Suppl):1050-4.

76 Pariza MW, Ha YL, Benjamin H, et al. Formation and action of anticarcinogenic fatty

acids. Advances in Experimental Medicine & Biology 1991;289:269-72.

77 Shultz TD, Chew BP, Seaman WR, Luedecke LO. Inhibitory effect of conjugated dienoic

derivatives of linoleic acid and beta-carotene on the in vitro growth of human cancer cells.

Cancer Letters 1992;63(2):125-33.

78 Bhattacharya A, Banu J, Rahman M, Causey J, Fernandes G. Biological effects of

conjugated linoleic acids in health and disease. J Nutr Biochem. 2006;17(12):789-810.

79 Zulet MA, Marti A, Parra MD, Martinez JA. Inflammation and conjugated linoleic acid:

mechanisms of action and implications for human health. J Physiol Biochem.

2005;61(3):483-94.

80 Luongo D, Bergamo P, Rossi M. Effects of conjugated linoleic acid on growth and

cytokine expression in Jurkat T cells. Immunol Lett 2003;90:195– 201.

81 Eder K, Schleser S, Becker K, Korting R. Conjugated linoleic acids lower the release of

eicosanoids and nitric oxide from human aortic endothelial cells. J Nutr 2003;133:4083–

9.

82 Yu Y, Correll PH, Vanden Heuvel JP. Conjugated linoleic acid decreases production of

pro-inflammatory products in macrophages: evidence for a PPAR gamma-dependent

mechanism. Biochim Biophys Acta. 2002 15;1581(3):89-99.

83 Cheng WL, Lii CK, Chen HW, Lin TH, Liu KL. Contribution of conjugated linoleic acid to

the suppression of inflammatory responses through the regulation of the NF-kappaB

pathway. J Agric Food Chem. 2004 14;52(1):71-8.

84 DeLany JP, Blohm F, Truett AA, Scimeca JA, West D.B. Conjugated linoleic acid rapidly

reduces body fat content in mice without affecting energy intake, Am J. Physiol

1999;276:R1172–R1179.

85 Belury MA. Dietary conjugated linoleic acid in health: physiological effects and

mechanisms of action. Annu Rev Nutr 2002;22:505–531.

86 Gaullier JM, Halse J, Hoye K, Kristiansen K, Fagertun H, Vik H, Gudmundsen O.

Conjugated linoleic acid supplementation for 1 y reduces body fat mass in healthy

overweight humans. Am J Clin Nutr. 2004;79(6):1118-25.

87 Eyjolfson V, Spriet LL, Dyck DJ. Conjugated linoleic acid improves insulin sensitivity in

young, sedentary humans. Med Sci Sports Exerc. 2004;36(5):814-20.

88 Steck SE, Chalecki AM, Miller P, et al. Conjugated Linoleic Acid Supplementation for

Twelve Weeks Increases Lean Body Mass in Obese Humans. J. Nutr. 2007 137 (5).

89 Blankson H, Stakkestad JA, Fagertun H, Thom E, Wadstein J, Gudmundsen O.

Conjugated linoleic acid reduces body fat mass in overweight and obese humans. J Nutr

2000;130:2943-2948.

90 Riserus U, Berglund L, Vessby B. Conjugated linoleic acid (CLA) reduced abdominal

adipose tissue in obese middle-aged men with signs of the metabolic syndrome: a

randomised controlled trial. Int J Obes Relat Metab Disord. 2001;25(8):1129-35.

91 Gaullier JM, Halse J, Høye K, et al. Conjugated linoleic acid supplementation for 1 y

reduces body fat mass in healthy overweight humans. Am J Clin Nutr 2004;79:1118–

1125.

92 Gaullier JM, Halse J, Hoye K, Kristiansen K, Fagertun H, Vik H, Gudmundsen O.

Supplementation with conjugated linoleic acid for 24 months is well tolerated by and

reduces body fat mass in healthy, overweight humans. J Nutr. 2005;135(4):778-84.

93 Park Y, Albright KJ, Storkson JM, et al. Changes in body composition in mice during

feeding and withdrawal of conjugated linoleic acid, Lipids 1999;34(3):243-248.

94 Pariza MW, Park Y, Cook ME. The biologically active isomers of conjugated linoleic

acid, Prog Lipid Res 2001;40(4):283-298.

95 Choi Y, Kim YC, Han YB, et al. The trans-10,cis-12 isomer of conjugated linoleic acid

downregulates stearoyl-CoA desaturase 1 gene expression in 3T3-L1 adipocytes, J Nutr

2000;130 (8):1920-1924.

96 Park Y, Albright KJ, Storkson JM, et al. Changes in body composition in mice during

feeding and withdrawal of conjugated linoleic acid, Lipids 1999;34(3):243-248.

97 Pariza MW, Park Y, Cook ME. The biologically active isomers of conjugated linoleic

acid, Prog Lipid Res 2001;40(4):283-298.

98 Choi Y, Kim YC, Han YB, et al. The trans-10,cis-12 isomer of conjugated linoleic acid

downregulates stearoyl-CoA desaturase 1 gene expression in 3T3-L1 adipocytes, J Nutr

2000;130 (8):1920-1924.

99 Cook ME, Miller CC, Park Y, Pariza M. Immune modulation by altered nutrient

metabolism: nutritional control of immune-induced growth depression. Poultry Science

1993;72(7):1301-5.

100 Miller CC, Park Y, Pariza MW, Cook ME. Feeding conjugated linoleic acid to animals

partially overcomes catabolic responses due to endotoxin injection. Biochem Biophysic

Res Comm 1994;198(3):1107-12.

101 Gaullier JM, Halse J, Hoivik HO, Hoye K, Syvertsen C, Nurminiemi M, Hassfeld C,

Einerhand A, O’Shea M, Gudmundsen O. Six months supplementation with conjugated

linoleic acid induces regional-specific fat mass decreases in overweight and obese. Br J

Nutr. 2007;97(3):550-60.

102 Close RN, Schoeller DA, Watras AC, Nora EH. Conjugated linoleic acid

supplementation alters the 6-mo change in fat oxidation during sleep. Am J Clin Nutr.

2007 Sep;86(3):797-804.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *